Gli "haktivists" di Anonimous si associano agli Indignados per il 15 ottobre: ecco le loro precedenti azioni di protesta

News - author: ludo.j - posted: 13-10-2011

"Il popolo non dovrebbe temere il proprio governo, sono i governi che dovrebbero temere il popolo!". Le parole e la maschera del protagonista del film V per Vendetta sono uscite dalla pellicola per finire sulle strade degli Indignati di tutto il mondo e in rete con gli hacktivist di Anonymous.
Questo gruppo di "haktivists" che sta per haker-attivisti che operano in modo anonimo, è composto in gran parte da utenti provenienti da diversi imageboard (siti che pubblicano principalmente immagini) e forum. Anonymous non ha leader o partiti che lo controllano, si basa sul potere collettivo dei suoi partecipanti che agiscono individualmente in modo che l'effetto della rete benefici il gruppo.

Ecco le principali azioni di protesta realizzate da Anonimous:

CHANOLOGY CONTRO SCIENTOLOGY
Il 14 gennaio 2008, un video prodotto da Scientology con un'intervista a Tom Cruise è stato prelevato da Internet e caricato su YouTube. Scientology ha accusato YouTube di violazione di copyright, chiedendo la rimozione del video. In risposta, Anonymous ha ideato il Progetto Chanology. Considerando l'azione di Scientology una forma di censura, i membri del Progetto Chanology hanno organizzato una serie di attacchi DoS (Denial of Service) contro i siti di Scientology, scherzi telefonici legali e fax neri ai suoi centri.

L'ATTACCO AL SOSTENITORE DELLA SUPREMAZIA BIANCA
Secondo l'autore radiofonico e sostenitore della supremazia bianca Hal Turner, nel dicembre 2006 e nel gennaio 2007 individui auto-identificatisi come Anonymous hanno messo offline il suo sito, costandogli migliaia di dollari in bollette di banda. Di conseguenza, Turner ha denunciato 4chan, eBaum's World, 7chan, e altri siti per pirateria. Ha perso l'appello per un'ingiunzione e, non avendo ricevuto le lettere del tribunale, ha visto decaduta la sentenza.

L'ATTACCO CHE HA PERMESSO L'ARRESTO DEL PEDOFILO
Il 7 dicembre 2007, il quotidiano Toronto Sun, con sede in Canada, ha pubblicato una notizia relativa all'arresto di un presunto "predatore di Internet", Chris Forcand. L'uomo, 53 anni, ricevette due capi d'accusa per avere adescato e tentato molestie sessuali ai danni di un minore di 14 anni e per essere in possesso di armi pericolose e improprie. La notizia affermava che Forcand era già nel mirino dei “cyber-vigilanti il cui obiettivo è quello di cacciare chiunque abbia interessi sessuali verso i minori”, ancor prima che iniziassero le investigazioni della polizia.Il Global Television Network identificò come responsabile dell'arresto di Forcand il gruppo di Anonymous, che avrebbe contattato la polizia dopo che, alcuni membri, avevano ricevuto delle avance da Forcand insieme ad immagini disgustose raffiguranti se stesso. Sempre secondo il network in questione, era la prima volta che un “predatore di Internet” veniva arrestato dalla polizia grazie al lavoro di alcuni "vigilantes" della rete.

Fonti: repubblica.it, wikipedia.it