Riabilitazione di Craxi: forzatura o tentativo mal riuscito?

Opinion - author: admin - posted: 05-02-2010

Nel decimo anniversario della morte di Craxi molti politici si sono affrettati a riabilitarlo esaltandone il tratto di statista e ignorando o sottovalutando le gravi responsabilità del medesimo.
Addirittura il direttore del TG1 Augusto Minzolini in un suo editoriale ha chiamato in causa la "storia".
Ricordando la spavalderia con cui il leader socialista si difese in parlamento mi viene naturale svolgere la seguente riflessione:
egli ammise le sue colpe, ma cercò di discolparsi chiamando a corresponsabili i politici di tutti i partiti presenti in quell'assemblea;
ebbene se Craxi in quel frangente si fosse dimostrato un vero statista:
prima di tutto avrebbe chiesto scusa agli italiani onesti come fece a suo tempo il leader tedesco Helmut Khol colpevole di non aver dichiarato un finanziamento al partito; é singolare ritenere che se una colpa é attribuibile anche ad altri automaticamente ad essa possa essere applicata la legge del "Liberi tutti".
Secondariamente avrebbe dovuto recarsi dalla magistratura e denunciare tutti i fatti relativi agli altri politici di cui era a conoscenza.
Se avesse affrontato con vero coraggio la situazione probabilmente avrebbe scontato un breve periodo di carcere, ma ne sarebbe uscito bene; in questo caso sì che avrebbe potuto essere riabilitato.