Il Cervello come organo del controllo della nutrizione.

Study - author: MANZELLI - posted: 20-12-2013

---------->>>" --Il Cervello come organo del controllo della nutrizione. (Prima Nota) "

I processi mentali che attivano le sensazioni di fame e sete , e il senso di soddisfazione e quindi di limite della ingestione di alimenti , sono conseguenti alla produzione nell' ipotalamo di due ormoni : la leptina e la grelina.

Questi due ormoni regolano infatti l'appetito (attivato dalla Grelina) e il senso di sazietà (attivato dalla Leptina) , in modo da anticipare le necessita metaboliche attivando l' ipotalamo nell'emettere segnali di fame e di sete.

Ritmi alterati di vita ( es insonnia) determinano un aumento della grelina e in corrispondenza una diminuzione della leptina , perche tendono ad aumentare il consumo di cibo per recuperare energie psicofisiche .
Pertanto il controllo della produzione di tali ormoni antagonisti e decisivo e cio significa che le attivita' mentali hanno una influenza notevole fin dall' inizio sulle attivita metaboliche . Lo stress favorisce comportamento alimentari scorretti mentre il benessere ed anche il buonumore che nasce dal cenare assieme egli amici provocando uno stato di buona predisposizione sono prodromi necessari a favorire una buona alimentazione che certamente dipende da molteplici altri fattori che il cervello come organo di controllo alimentare e capace di analizzare e coordinare. Potroppo delle potenzialita del controllo cerebrale sulla alimentazione la medicina tradizionale se ne accorge ner casi estrtemi di anoressia e bulimia proprio in quanto il business della medicina e la cura anziche la prevenzione .
;http://www.edscuola.it/archivio/lre/alimentazione_e_metabolismo.pdf:
http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=17323
Piu specificamente uno studio del Prof. D.Piomelli dell IIT di Genova e colleghi in USA , nel loro studio su 'articolo, intitolato "Brain 2-AG signaling controls energy metabolism" ha dimostrato che l' influenza del Cervello sulla regolazione del metabolismo e' particolarmente dovuta a la produzione di alcuni neurotrasmettitori che si correlano con la produzione di grasso "bruno" , necessario come fonte di energia. http://www.iit.it/.../1244-identified-the-brain-mechanism...

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

NUTRA-SCIENZA 2014. La FUNZIONALITA DEL CERVELLO COME ORGANO DI CONTROLLO DELLA NUTRIZIONE ( SINTETICA - NOTA2.) Il Cervello controlla la produzione di tutti gli enzimi che permettono la digestione del Cibo , dalla Ptialina nella saliva,che inizia la trasformazione in zucchero carboidrati del pane pasta e riso .ecc.. ; e induce la produzione del succo gastrico contenente enzimi dello stomaco tra quali la pepsina che assieme all'acido cloridrico inizia la digestione delle proteine ed anche la rennina che fa coagulare il latte e lo rende più digeribile ecc.. ed inoltre il cervello controlla come far passare il cibo attraverso il piloro (in greco "custode della porta") che è la valvola posta tra lo stomaco e il duodeno, in modo che piccole porzioni del bolo possano essere neutralizzate dalla bile . Infatti gli enzimi dello stomaco hanno bisogno di un ambiente acido,mentre gli enzimi del primo tratto dell' intestino tenue necessita di un ambiente alcalino . La neutralizzazione avviene per un controllo stechiometrico del cervello su il flusso della bile immesso dalla cistifellea ( una vescichetta correlata al fegato che sgocciola un liquido amaro giallo-oro essenziale alla digestione dei grassi). La bile e' prodotta dal fegato ed e' immessa puntualmente nel duodeno in quantità variante in correlazione al flusso determinato dalla apertura del piloro . Infine il cervello controlla tramite il nervo vago le attivita di motilita' intestinale cosi che 'intestino tenue copie la sua fase di digestione del cibo con l'aiuto degli enzimi del pancreas in un ambiente simile alla schiuma del sapone che permette alla bile di disintegrare sistematicamente i grassi. Dopo di cio' i residui liquidi passano nell'intestino crasso (detto anche colon- lungo circa un metro e settanta) dove agisce la simbiosi con i batteri intestinali che e' controllata dal cervello tramite un complesso sistema di informazioni ricavabili dai vari ricettori del gusto in modo da favore la biocenosi tra uomo e batteri la quale permette la assimilazione dei nutrienti ricavati dalla alimentazione. Alla fine dell' intestino crasso si ha la espulsione dei residui e dei batteri non piu attivi. In tal modo quasi tutti gli alimenti ingeriti vengono trasformati nelle sostanze essenziali alla vita : glucosio, amminoacidi, acidi grassi e glicerina.Gli acidi e la glicerina sono assorbiti dai villi e immessi nel sistema dei vasi linfatici. Il glucosio e gli amminoacidi, che filtrano attraverso la parete intestinale, sono raccolti nel circolo sanguigno e portati sotto un preciso controllo del sistema neuronale enterico dalla vena porta al fegato per poi essere utilizzato nel metabolismo controllato dal cervello mediante il ritmo del flusso sanguigno regolato dal cuore, al fine della ricostruzione delle nostre cellule che ci permette di vivere sani per un certo numero di anni portandovi ad un invecchiamento attivo ben controllato dalle nostre attivita cerebrali. Quanto piu ne saremo coscienti tanto migliore e salutare sara la nostra vita terrena. Paolo Manzelli BUON NATALE - 20 DIC/2013- http://dabpensiero.wordpress.com/.../cervello-nutrizione.../; http://dabpensiero.wordpress.com/

Study's content: