partecipazione

Afganistan: gli USA valutano un ritiro delle truppe più consistente del previsto

Il team per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Barack Obama starebbe valutando l'ipotesi di un ritiro del contingente Usa dall'Afghanistan più corposo di quanto preventivato nelle scorse settimane. Secondo quanto si legge sul New York Times, alcuni funzionari di Washington sarebbero stati convinti a procedere a questa accelerazione dai costi sempre più elevati della guerra e dall'uccisione di Osama bin Laden: due presupposti che hanno definito come nuove "considerazioni strategiche". Il Consiglio per la sicurezza nazionale si riunirà oggi per il consueto meeting mensile sull'Afghanistan e il Pakistan. Nonostante il dibattito sul livello delle truppe in Afghanistan sia stato sempre trattato in separata sede, fa notare il New York Times, l'argomento sarà certamente all'ordine del giorno della riunione odierna. Fino ad oggi i responsabili della difesa Usa avevano sempre parlato di un iniziale ritiro del contingente tra i 3.000 e i 5.000 uomini.

(Fonte: il riformista.it)

Inghilterra: le leggi scelte dagli elettori

L'idea di creare una sorta di democrazia diretta grazie alle nuove tecnologie e di avvicinare i cittadini alla politica di tutti i giorni non è affatto nuova: è stata pensata sin dagli albori di Internet. Ma come racconta un recente articolo del Guardian di Londra il governo inglese potrebbe essere il primo in Occidente a tradurre questo possibilità in realtà: in questi giorni il primo ministro David Cameron sta pensando di dedicare alcune pagine del sito web governativo esclusivamente alle petizioni pubbliche. Le più votate dovrebbero essere discusse in Parlamento e successivamente potrebbero diventare leggi dello Stato.
Secondo il progetto del governo le e-petizioni sottoscritte da almeno 100.000 votanti saranno sempre discusse alla Camera dei Comuni, mentre sullo stesso sito web dovrebbe essere pubblicati svariati progetti di leggi: saranno proprio gli utenti-elettori a giudicare quali sono quelli prioritari e necessari al paese e la loro decisione porterà le proposte più velocemente all'esame in Parlamento.

(Fonte: corriere.it)

La "Carta Europea" del "giornalismo partecipativo"

La "Carta Europea" del "giornalismo partecipativo" che viene presentata nell'articolo vuole essere un documento per esercitare la propria cittadinanza. Si propone di aumentare nei cittadini la coscienza di appartenere ad un contesto sovranazionale che rispetta diritti e responsabilità.

Grandi manifestazioni: sul numero dei partecipanti i partiti mentono

Spesso in occasione delle grandi manifestazioni nazionali che in genere si tengono a Roma si assiste a un balletto di cifre sul numero dei partecipanti.
Io quasi sempre partecipo a questi raduni per andare a controllare di persona dove stia la verità; a tal fine ho messo a punto un metodo personale per la quantificazione dei partecipanti e ho potuto constatare che in genere politici, sindacati, etc. gonfiano le presenze a dismisura.
I dati della questura sono sufficientemente attendibili; o meglio lo sono quasi sempre, perché quando scendono in campo le grandi forze politiche, anche la questura, se pur in misura largamente inferiore aumenta le cifre.
Per permettere a chiunque di farsi un'idea buona sul numero dei partecipanti occorre tenere presente queste considerazioni:
lo spazio di gran lunga più vasto a Roma é il Circo Massimo: mezzo chilometro per 150 metri; se si suppone che in ogni metro quadrato trovino collocazione quattro persone (cosa del tutto impossibile perché altrimenti le persone non potrebbero nemmeno respirare) si assisterebbe ad una manifestazione di 300.000 persone! Più ragionevolmente se la piazza é gremita si può parlare di 200.000 al massimo.
Per tutte le altre piazze le cifre scendono di molto:
100.000 per Piazza San Giovanni
30.000 per piazza San Pietro
20.000 per Piazza del Popolo
10.000 per piazza Navona
Occorre tener presente che nelle piazze in genere uno spazio non indifferente viene tenuto vuoto per il palco e per altre incombenze; per cui le piazze non sono mai completamente occupate.

Syndicate content