Ambiente: pescatori di plastica nel Mediterraneo. Ecco le finalità del progetto Ue

News - author: ludo.j - posted: 24-05-2011

La commissaria Ue alla pesca, Maria Damanki, ha rivelato un progetto pilota secondo cui questo mese nel Mediterraneo pescatori equipaggiati di speciali reti raccoglieranno detriti plastici destinati al riciclo.

Il piano ha diverse finalità. Primo pulire il Mare Nostrum, secondo dare fonti di reddito alternative per ridurre la pressione sugli stock ittici, terzo stemperare la ferma opposizione di molti pescatori all'intenzione di bandire la pratica di scaricare in mare pesce edibile. Le flotte di pescherecci infatti temono grosse perdite di denaro qualora non fosse consentito il rigetto in mare di pesce che al momento non ha mercato.
Questa pratica però ha un disastroso impatto ambientale: in alcune aree due terzi del pescato è ributtato in acqua, solitamente morto, perché rappresenta un carico inutile per i natanti, anche in termini di quote pesca consentite. Circa un milione di tonnellate viene gettato ogni anno solo nel Mare del Nord.

E così i pescatori di plastica saranno inizialmente sussidiati dagli Stati membri, fino a formare un vero e proprio mercato di plastica pescata da riciclare. Sarà un nuovo sbocco economico per le flotte, con cui potranno ammortizzare le perdite dovute al bando allo scarico di pesce a mare.
La Damanaki gode dell'appoggio di diversi Stati chiave, quali Uk, Germania, Francia. Renderà pubblici tutti i suoi propositi in luglio, in occasione del dibattito al Parlamento e al Consiglio Europeo.

Fonte: The Guardian