La filosofia diventa una professione

News - author: albatros - posted: 09-10-2011

Il lavoro di "consulente filosofico" é quell'amico che tutti vorremmo avere al nostro fianco, quando si tratta di superare un grattacapo. Non è una terapia né una semplice chiacchierata, è una "consulenza filosofica", un nuovo modo per affrontare i problemi. "Aiutiamo le persone a mettere in discussione la loro interpretazione della realtà - spiega Neri Pollastri, presidente di Phronesis, la prima associazione di consulenti filosofici in Italia - cerchiamo con loro di affrontare i problemi usando categorie e sistemi valoriali diversi, facendo leva sulla tradizione filosofica". Niente pillole, né libri, nessuna prescrizione: al consulente si chiedono solo parole.

Ai consulenti filosofici si rivolgono persone semplici, privati, che magari sono in un momento d'impasse, ma anche aziende ed enti locali. Possibile, perché "anche l'azienda non è altro che un soggetto collettivo" come dice Pollastri. "La consulenza filosofica - spiega il presidente di Phronesis, autore di due libri sul tema - proprio perché non è una terapia, è adatta a tutti: persone sane o malate, singoli o aziende, istituzioni o famiglie. Il punto è l'approccio: noi aiutiamo a mettere in crisi il proprio sguardo sul mondo, a rivedere le opinioni. E' un'azione che fa bene alle persone così come ai team aziendali, per trovare motivazione, coesione, vision per il futuro".

La consulenza filosofica è adatta a tutti, giovani e adulti, preparati o improvvisati curiosi. "Per un anno ho tenuto uno sportello filosofico gratuito in un quartiere popolare di Firenze - racconta Pollastri - era un progetto innovativo, voluto e finanziato dal presidente della circoscrizione. E' stata un'esperienza fenomenale. Avevo ogni giorno decine di appuntamenti, le persone tornavano più volte. Non solo i cittadini ne sono stati felici: per me è stato molto importante, per far conoscere la disciplina e per imparare dall'incontro con tutte quelle persone diverse".

(Fonte: repubblica.it)