Solo due dei tre dipendenti licenziati e successivamente reintegrati sono attivisti sindacali