Liguria: ecco perchè, secondo il Wwf è stata una tragedia annunciata

Notizia - autore: Rosa.L - pubblicazione del: 03-11-2011

Sei morti e sette dispersi. Questo ad oggi il bilancio dell'alluvione che si è abbattuta questa settimana tra la Liguria e la Toscana. Raggiungere le Cinque Terre e la Lunigiana è diventato ormai impossibile da terra. L'evacuazione di paesi come Monterosso è stata effettuata addirittura tramite elicottero per le frane e il dissesto idrogeologico che lo hanno reso inagibile.

Secondo Coldiretti la causa, oltre alle ingenti piogge, è da imputare al rischio in cui versano un gran numero di comuni italiani. A confermarlo è stato anche il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, che ha parlato di interventi prioritari in queste aree. Il Wwf parla di “tragedia annunciata” a causa “dell’assenza di un presidio sul territorio in grado di prevenire i disastri ambientali del dissesto idrogeologico ed evitare una nuova conta delle vittime”. "Chi paga dazio - afferma - sono i cittadini che scontano sulla propria pelle perché alla cementificazione selvaggia, che passa ‘inosservata’ ai controlli degli enti locali e delle Autorità competenti e che viene puntualmente graziata dai condoni dei Governi” cui “si aggiunge la ‘colata’ di interventi edilizi autorizzati in aree a rischio che invece andrebbero liberate con i dovuti abbattimenti”.

La Liguria, in particolare, secondo il Wwf, rappresenta un caso esemplare della miopia istituzionale sull’attività di prevenzione e tutela del territorio. Proprio qualche mese fa, infatti, la Regione Liguria ha approvato un provvedimento (Regolamento regionale n.3/2011, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 20 luglio 2011) che ha ridotto da 10 a 3 metri le distanze minime di edificazione vicino ai corsi d’acqua”.

Fonte: wwf.it